Cibi artigianali che si possono presentare ad un evento

cibi-artigianali-che-si-possono-presentare-ad-un-evento

Un catering ben riuscito – sia esso destinato prevalentemente ad adulti o a bambini, vegetariano, vegano oppure “a tema”, nel senso che prevede l’uso prioritario di determinati ingredienti – si compone di pietanze anche molto diverse tra loro, in parte fresche, in parte surgelate, in parte preparate quasi sul momento, in (gran) parte preparate fino a pochi giorni prima dell’evento. Tuttavia un catering di successo non può esimersi dal presentare anche diversi cibi artigianali, che spesso sono i più ricercati dai commensali, perché spesso più appetitosi degli altri e ritenuti, a torto o a ragione, anche più genuini.


Ma quali sono i cibi artigianali che è possibile servire nel catering durante un evento? In primis le torte salate, tipo quiche. Si tratta infatti di torte estremamente gustose, che puoi mangiare seduto e in piedi, che non sporcano e sono ottime sia calde che fredde: quale altro cibo artigianale presenta così tanti vantaggi da renderlo assolutamente ideale per il catering di un evento? Le quiche, tra l’altro, possono essere preparate in molte maniere diverse, anche scostandosi dalla ricetta tradizionale francese, in modo da accontentare un po’ tutti, anche chi segue regimi alimentari particolari.
Quando si prepara un catering, infatti, è fondamentale pensare a tutti i commensali, e inserire almeno qualche cibo che possano mangiare tutti, persino chi soffre di intolleranze varie. In tal senso, i cibi artigianali sono nettamente preferibili a quelli pre-confezionati o surgelati, in quanto si ha il pieno controllo degli ingredienti e anche gli ospiti hanno modo di sapere con esattezza cosa c’è in ciascun cibo.
Le quiche possono essere realizzate di diverse dimensioni: le più grandi andranno poi tagliate in tanti rettangolini o triangolini, mentre le più piccole (mini-quiche rotonde che fungono da monoporzione e ben si adattano agli eventi più eleganti) andranno lasciate così come sono, magari servite su un letto di insalata mista e colorata, per appagare anche la vista. Esistono quiche light, quiche vegetariane e persino quiche vegane: basterà realizzare tipi diversi per accontentare un po’ tutti.
Anche le insalate costituiscono da sempre un piatto forte per i catering. In questo caso, preparandole in maniera artigianale, ci si può sbizzarrire con la fantasia, creando nuove soluzioni e arricchendo l’insalata con alimenti esotici, pesce crudo, verdure, spezie e tutte quello che la fantasia può suggerire. Le foccaccine e le pizzette sono ottime anche realizzate in monoporzione: risultano più facili da mangiare, e per eventuali commensali celiaci si possono utilizzare farine senza glutine.
Ottimi cibi artigianali da servire durante e dopo gli eventi sono i tramezzini (classici o rivisitati secondo la fantasia e la moda gastronomica del momento), le crepes (piuttosto complicato però mangiarle in piedi), i panini fantasia, le frittate a dadini, la piccola frittura da servire in un piattino e ovviamente verdure e formaggi in quantità, meglio se rigorosamente artigianali, tipici del luogo e a chilometro zero.
Ovviamente la scelta degli alimenti da offrire ai commensali è strettamente legata alla natura dell’evento servito dal catering: a volte, infatti, basta poco per rendere eleganti anche i cibi più semplici, e far sì che non sfigurino persino all’evento più elegante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *