Le calorie del gelato

gelato-calorie

Gustoso, rinfrescante e, sopratutto, goloso: ma quante sono le calorie del gelato? Quali gusti è meglio consumare quando si è a dieta e che cosa ci si può concedere quando, invece, il peso o la salute non sono un problema?

Frutta e creme

È risaputo che il gelato alla frutta è un alimento più leggero rispetto a una qualsiasi crema: l’assenza o la presenza in quantità ridotte di ingredienti come il latte, panna, e altri alimenti sostanzialmente grassi fa sì che questo sia più indicato durante le diete. Ma non è detto che questa sia una scelta adatta a tutti: nei gusti alla frutta, infatti, c’è un’alta percentuale di zuccheri, maggiore rispetto ad altri dessert e, quindi, non indicata per chi soffre di determinate malattie o chi deve seguire un regime alimentare particolare.

A seconda del gusto i gelati confezionati e quelli artigianali hanno più o meno calorie: è difficile generalizzare anche se, spesso, quelli industriali sono fabbricati con numerosi extra, come salse particolari, scaglie di cioccolata, noccioline e altri condimenti che, inevitabilmente, vanno ad appesantire il prodotto. A parità di peso, però, sarà proprio il gelato confezionato a sembrare più voluminoso: questo grazie al procedimento industriale che fa inglobare, durante la lavorazione, più aria all’interno del prodotto.

I gusti speciali

Con gusti speciali si vogliono intendere i gelati preparati con prodotti atipici, come la soia, l’olio extravergine d’oliva o lo stesso yogurt, spesso ingiustamente considerato più leggero. La peculiarità di quest’ultimo ci viene proprio dalla presenza dei fermenti lattici, sicuramente salutari, mentre quella del gelato prodotto dall’olio extravergine d’oliva dagli effetti benefici di quest’ultimo rispetto al burro o altre materie grasse. Il gelato alla soia, invece, diminuendo la quantità di colesterolo può essere un valido sostituto anche se, ovviamente, il suo apporto calorico totale dipende anche dal gusto: la presenza di cioccolato o frutta secca lo rendono, infatti, molto simile alle normali creme.

Gli extra

Ovviamente chi è a dieta deve preferire la coppetta al cono o alla cialda: questi ultimi, infatti, realizzati con materie prime simili a quelle per i biscotti, vanno ad incrementare l’apporto calorico del singolo prodotto (un cono ha in media 20 calorie). Da evitare, sempre per rimanere più leggeri, la panna, così come noccioline, scaglie di cioccolato, biscotti o meringhe spesso presenti nei gelati confezionati e pronti da essere aggiunti al proprio cono o coppetta in quelli artigianali. Sono proprio questi extra che vanno, infatti, a influire notevolmente sulla somma totale delle calorie del gelato.

Photo Credit: freeimages.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *